venerdì 15 novembre 2019

Rimedi per caduta di capelli facili

Rimedi per caduta di capelli 

Ciao! La ricetta flash di oggi, sarà un po’ diversa dalle solite. Parliamo di Rimedi per caduta di capelli , un’ultima volta, ma oggi voglio darti un’idea per usare tutte le ricette flash che ho pubblicato in modo creativo e personalizzato.
Infatti nessuna ricetta è a se stante, puoi intercambiarle e unire più ricette assieme per potenziarle e per vcapire anche quale è meglio per te.
Ad esempio, ti ho proposto il decotto all’ortica e quello all’equiseto, ma niente ti vieta di provare a fare un decotto unico con questi due ingredienti. Ancora, puoi provare ad aggiungere a questi due la ricetta del decotto al rosmarino, al quale magari hai aggiunto due bei cucchiaioni di polvere di amla. Avrai così ottenuto un decotto super potenziato da usare sui tuoi capelli avendo già a disposizione tutte le ricette per prepararlo.
Un’altra idea che ti posso dare è quello di usare questo super decotto o anche solo uno di questi sopra decritti, per sciogliere la polvere della ricetta dell’impacco all’amla, e farne un impacco super da applicare su cuoio capelluto e lunghezza.
Allo stesso modo, potresti usare parte di questi decotti per formare il gel ai semi di lino, e anche qui otterresti le proprietà non solo dei semi di lino, ma anche quelli delle erbe usate per il decotto.
Altra ricetta: puoi usare il gel ai semi di lino per stemperare l’amla o l’henné, aggiungerci magari anche il gel di aloe vera e fare un super trattamento e perchè no, fare l’ultimo risciacquo dopo l’henné con uno dei decotti, in modo da usare il più possibile tutti i Rimedi per caduta di capelli che ho condiviso con te.
Un’altra variante che puoi fare è mescolare un po’ di amla con l‘impasto di henné, per potenziarne l’efficacia.
Insomma come vedi non sono solo 7 o 8 ricette sui rimedi per caduta di capelli , ma una vera miniera alla quale puoi attingere e che puoi personalizzare a tuo piacimento, in base anche a come rispondono i tuoi capelli ad ogni trattamento.
Spero di averti dato un bel po’ di spunti in più sui quali divertirti a creare, in attesa delle prossime ricette flash sui capelli.
Ti chiedo come sempre di condividere questo post se lo ritieni utile, con chi conosci, perchè davvero spesso le cose semplici, sono le migliori
Se questa ricetta ti è piaciuta condividila con le tue amiche.
Se ti appassiona la cosmesi naturale, ma vorresti prodotti che durano nel tempo, efficaci e molto più completi ho creato appositamente il corso di cosmesi naturale di cui ti lascio qui il link, dove puoi trovare tutti i prodotti per la cura e la bellezza del nostro corpo, anche se parti da zero.
Seguimi sInstagram e su Facebook, dove  in queste settimane ho pubblicato video e ricette, mi puoi trovi anche su CamTv e YouTube.
Un abbraccio forte, ciaooo!

mercoledì 13 novembre 2019

CONTORNO OCCHI: SERVE DAVVERO?

contorno occhi


IL CONTORNO OCCHI SERVE DAVVERO?
Ecco un’altra domanda che sono sicura ti è passata almeno una volta nella mente, mentre eri sul punto di acquistare un prodotto specifico per il contorno occhi.
Chiariamo innanzitutto da che punto di vista stiamo partendo.
Mi riferirò in questo articolo, a prodotti creati con ingredienti di origine naturale, quindi niente siliconi, petrolati, parabeni e nessuna sostanza dannosa né per noi e né  per l’ambiente, un prodotto eco-Bío.
Abbiamo già visto nei precedenti articoli il perché di questa distinzione, quindi io partirei proprio da qui.
Innanzitutto dobbiamo distinguere due categorie di cliente.
Il cliente  fino ai 35 anni e il cliente over 35.
Questo perché, se una ragazza di 25 anni mi ponesse questa domanda di sicuro risponderei che non le serve un contorno occhi, in quanto vista la sua età non né  ha bisogno.
Altro scenario invece si apre, quando parliamo di persone sopra i 30-35 anni. Infatti più o meno a questa età è utile pensare di cominciare a prevenire le rughe d’espressione tipiche di questa zona.
Più in là ancora con l’età le rughe attorno agli occhi si fanno sempre più evidenti, quindi è consigliabile trattarle con un prodotto top.
Ma perché non basta la crema viso? Non contiene già attivi antirughe?
Si, può andar bene una crema antirughe fino a 35 anni perché ha già alcuni attivi antiage all’interno che prevengono l’insorgenza delle rughe.
Dopo i 35 anni invece la crema antirughe non basta.
Le migliori creme hanno magari anche più attivi antiage, però il contorno occhi ha delle esigenze particolari.
La pelle infatti in questa zona è più sottile e delicata e propensa comunque a sviluppare grani di miglio, occhiaie e borse.
Quindi la crema che andrebbe applicata in questa zona dovrebbe contenere attivi specifici per ogni tipo di problema. Attivi che migliorano la circolazione sanguigna e linfatica in questa zona in modo da mitigare le occhiaie scure, se ne siamo affetti, e il gonfiore agli occhi.
Dovrebbe essere una crema leggera ma con super attivi all’interno che non appesantiscono il contorno occhi. Da qui si evince che una crema antirughe, magari bella corposa e pesante, nella zona perioculare non è sempre la scelta migliore.
Ancora meglio sarebbe preferire sieri, dalla texture più leggera, ma comunque ricchi di attivi che stimolano la circolazione e rimpolpa le rughe, distendendo la cute.
Certo che se la nostra scelta cade su un prodotto a base di petrolato (che contribuisce all’insorgenza di grani di miglio) e gli altri attivi sono infarciti di siliconi, di sicuro il contorno occhi non serve a niente se non a peggiorare la situazione. Ecco perché la scelta deve comunque ricadere in un prodotto privo di sostanze che possono danneggiare la nostra pelle e la nostra salute.
L’importante comunque ricordare che anche i trattamenti antirughe più efficaci sono solo un aiuto temporaneo, ma i segni del tempo primo poi si vedranno.
Dobbiamo anche accettare questa realtà.
Ti aspetto qui la prossima settimana, dove ti parleremo di prodotti anticellulite.
Come sempre ti chiedo di condividere questo articolo, se ti è piaciuto. Aiutiamo più persone possibile a diventare più consapevoli dei prodotti che acquistano.
Se invece sei interessata a produrre cosmetici naturali di qualità, QUI trovi il mio video corso.
A prestissimo, un abbraccio, ciao!!

domenica 10 novembre 2019

Gel di aloe vera


gel di aloe vera


Ciao, con ottobre si conclude la serie di ricette flash dedicate alla cura dei capelli.
Oggi vediamo l’ultimo trattamento per questo ciclo, come sempre super facile e veloce, per idratare i tuoi capelli e il cuoio capelluto. 
È particolarmente indicato in caso di scarsa idratazione della cute e capelli. 
INGREDIENTI 
2 cucchiai Gel di aloe vera. 
UTILIZZO
Versa il gel nel palmo di una mano e distribuisci accuratamente sul cuoio cappelluto e su tutta la lunghezza dei capelli. Massaggia la cute della testa con i polpastrelli delle dita in modo delicato, per qualche minuto. Lascialo in posa dai 30 ai 60 minuti dopo di che potrai procedere al lavaggio dei capelli con una piccola quantità di Shampoo. Evita di farne due se puoi, perchè non fanno altro che sfibrare ulteriormente i capelli.
Questo trattamento è completamente naturale e può essere ripetuto anche più volte alla settimana. Ottimo per anche per lenire infiammazione e irritazioni del cuoio cappelluto provocate magari da dermatiti. 
Puoi usarlo anche solo in piccole quantità, sulle punte, per proteggere i capelli dall’azione del phon.
Il gel di aloe vera è reperibile nei negozi di prodotti biologici, in farmacia e al supermercato, erboristerie, e ovviamente nei siti online.
Attenzione, il gel di aloe non è uguale al gel di ALOE VERA, riconosciuto invece dalla farmacopea europea, quindi attenta ai tuoi acquisti.
Ecco qualche idea per acquistarlo online.
 Ecco il gel che prenderei io se non lo facessi in casa
 Variante con aggiunta di vitamina C, ma non Biologica
 Con dispenser
Personalmente lo ordino liofilizzato online, presso una farmacia di fiducia, dopodiché lo trasformo in Gel di aloe vera solo in base alle mie esigenze di quel momento. In questo modo evito gli sprechi inutili di questo prezioso ingrediente, limito l’impatto ambientale altrimenti inevitabile, in quanto solitamente è custodito all’interno di flaconi di plastica. Producendolo da me lo inserisco sempre nello stesso contenitore che riuso ogni volta.
Bene, spero che anche questo piccolo suggerimento possa esserti utile.
Rimedi per i capelli ce ne sono tanti, ma non volevo essere noiosa facendo una serie di ricette troppo lunga dedicate solo ai capelli. Che dici vorresti ancora qualche ricettina per i capelli o cambiamo? Me lo fai sapere nei commenti?
Se ti va seguimi anche su Instagram dove carico spesso video e stories.
Un abbraccio forte e buon Halloween!!!

venerdì 8 novembre 2019

Rimedi per caduta di capelli facili

Rimedi per caduta di capelli 
Ciao! La ricetta flash di oggi, sarà un po’ diversa dalle solite. Parliamo di Rimedi per caduta di capelli , un’ultima volta, ma oggi voglio darti un’idea per usare tutte le ricette flash che ho pubblicato in modo creativo e personalizzato.
Infatti nessuna ricetta è a se stante, puoi intercambiarle e unire più ricette assieme per potenziarle e per vcapire anche quale è meglio per te.
Ad esempio, ti ho proposto il decotto all’ortica e quello all’equiseto, ma niente ti vieta di provare a fare un decotto unico con questi due ingredienti. Ancora, puoi provare ad aggiungere a questi due la ricetta del decotto al rosmarino, al quale magari hai aggiunto due bei cucchiaioni di polvere di amla. Avrai così ottenuto un decotto super potenziato da usare sui tuoi capelli avendo già a disposizione tutte le ricette per prepararlo.
Un’altra idea che ti posso dare è quello di usare questo super decotto o anche solo uno di questi sopra decritti, per sciogliere la polvere della ricetta dell’impacco all’amla, e farne un impacco super da applicare su cuoio capelluto e lunghezza.
Allo stesso modo, potresti usare parte di questi decotti per formare il gel ai semi di lino, e anche qui otterresti le proprietà non solo dei semi di lino, ma anche quelli delle erbe usate per il decotto.
Altra ricetta: puoi usare il gel ai semi di lino per stemperare l’amla o l’henné, aggiungerci magari anche il gel di aloe vera e fare un super trattamento e perchè no, fare l’ultimo risciacquo dopo l’henné con uno dei decotti, in modo da usare il più possibile tutti i Rimedi per caduta di capelli che ho condiviso con te.
Un’altra variante che puoi fare è mescolare un po’ di amla con l‘impasto di henné, per potenziarne l’efficacia.
Insomma come vedi non sono solo 7 o 8 ricette sui rimedi per caduta di capelli , ma una vera miniera alla quale puoi attingere e che puoi personalizzare a tuo piacimento, in base anche a come rispondono i tuoi capelli ad ogni trattamento.
Spero di averti dato un bel po’ di spunti in più sui quali divertirti a creare, in attesa delle prossime ricette flash sui capelli.
Ti chiedo come sempre di condividere questo post se lo ritieni utile, con chi conosci, perchè davvero spesso le cose semplici, sono le migliori
Se questa ricetta ti è piaciuta condividila con le tue amiche.
Se ti appassiona la cosmesi naturale, ma vorresti prodotti che durano nel tempo, efficaci e molto più completi ho creato appositamente il corso di cosmesi naturale di cui ti lascio qui il link, dove puoi trovare tutti i prodotti per la cura e la bellezza del nostro corpo, anche se parti da zero.
Seguimi su Instagram e su Facebook, dove  in queste settimane ho pubblicato video e ricette, mi puoi trovi anche su CamTv e YouTube.
Un abbraccio forte, ciaooo!

giovedì 7 novembre 2019

“Crema alla rosa”, fai attenzione!

crema alla rosa


Crema alla rosa“, cosa fare attenzione?
Ciao, proseguiamo con il nostro tour all’interno della nostra lista delle domande sulle verità cosmetiche. Voglio svelarti oggi una delle più grandi bufale a cui ci sottopongono tutti giorni i media e le ditte produttrici di cosmetici.
I nostri negozi, erboristerie, profumerie, farmacie, sono pieni zeppi di creme “all’olio di Argan”, “creme all’estratto di rosa”, ” creme all’acido ialuronico”. Tantissimi prodotti, che promettono miracoli.
Per farti capire cosa intendo, ti farò un esempio tipico, presente anche nel campo culinario.
Immagina di essere alla ricerca di una barretta di cioccolato fondente: troveremo bellissime confezioni con immagini di fave di cacao, che ci fanno intendere di aver trovato proprio quello che cercavamo. Ma se andiamo invece a leggere le etichette, scopriamo con rammarico che al primo posto invece troviamo lo zucchero, nella stragrande maggioranza dei casi, al secondo posto la pasta di cacao, e troveremo una percentuale di cacao amaro il più delle volte solo del 50%.
Le cose non cambiano molto in campo cosmetico: per chi come me si produce le creme in casa sa perfettamente che una crema non può essere fatta di acido ialuronico all’80%, o nel caso della crema alla rosa non può esserci un estratto di rosa neanche lontanamente vicino al 50%.
Se siamo fortunati, ma veramente fortunati, potremmo trovarlo all’1%, 2 o  3%.
Questo perché una crema formulata in modo ottimale è composta comunque, da 70%  circa di acqua, un 5% di emulsionanti, una quota variabile di oli e Burri, diciamo 12%. A seguire conservanti, profumazione, regolatori del Ph e gli attivi cosmetici come lenitivi, acido ialuronico, per un altro 10%.
Quindi calcolando che il totale degli ingredienti sopra descritti sia già circa un’97% circa, non resta poi molto al nostro estratto di rosa, se non un 2-3%.
Quindi va da sé, che anche nel migliore dei casi , e cioè quando realmente ci sia tale dose di estratto di rosa in una crema, comunque non può essere definita: “Crema alla rosa“, in quanto la percentuale di estratto di rosa è veramente esiguo. Sarebbe più corretto definirla come “crema con estratto di rosa“.
Stessa cosa vale per qualsiasi altro ingrediente, ad esempio l’olio di Argan.
Questo costoso e preziosissimo olio, in una crema non può certo essere inserito in una dose superiore del due 3%, perché inserita in dosi maggiori, otterremo una crema non formulata bene, che rischia di sfasciarsi come un emulsione e molto untuosa. Fatto che le case cosmetiche sanno benissimo. Quindi quando troviamo una crema che ti riporta sull’etichetta “crema all’olio di Argan“,  dobbiamo essere consapevoli che se siamo proprio fortunati, l’olio di Argan sarà inserito in una percentuale massima del 2-3% .
Per farti una proporzione, in una crema che contiene 50 g di prodotto, l’olio di Argan sarà presente al massimo nella dose di 1,5 g. Anche in questo caso la quantità è talmente esigua che chiamarla “crema all’olio di Argan” è a tutti gli effetti un imbroglio.
Questo vale per ogni tipo di crema che riporti la dicitura simile a quella sopra citata.
Purtroppo le cose in realtà sono anche peggiori, in quanto tantissime case produttrici inseriscono questi preziosi attivi, proprio perché costosi, in dosi sotto stimate. Possiamo trovare facilmente una crema all’olio di Argan, che in realtà ne contiene una dose pari anche a 0,5%, se non di meno. Significherebbe che all’interno della nostra crema l’olio di Argan è stato messo per un totale di 0,25 g che a queste dosi è totalmente inutile. Pagheremo dunque un prodotto a prezzo sicuramente caro, che in realtà non vale assolutamente ciò per cui lo stiamo pagando.
Come ti ho già detto nei precedenti articoli, purtroppo ci è impossibile sapere la dose esatta di un singolo ingrediente, specialmente se quello che ricerchiamo in un cosmetico, come in questo caso è l’estratto di rosa, o l’olio di argan, o altro.
È una cosa che mi fa spesso arrabbiare quando un’amica mi chiede un consiglio e mi mostra con orgoglio il suo acquisto.
So già che non vale i soldi che ha speso, e che le creme autoprodotte sono il più delle volte più complete. Hanno infatti gli estratti come quello di rosa alla percentuale utile perché sia efficace, ma avranno, sempre nella stessa crema, anche l’olio di Argan, sempre in dosaggi sufficienti.  L’acido ialuronico sicuramente in dose maggiore di quello inserito nella stragrande maggioranza delle creme. E hanno al loro interno tantissimi altri ingredienti, che solo chi si produce i cosmetici in casa sa che può inserire alla dose giusta, creando un prodotto di qualità nettamente superiore di una semplice crema alla rosa, in quanto avrà in realtà tutto quello che le serve per essere una vera crema completa, studiata perchè sia efficace e non solo per vendere grazie ad una dicitura sull’etichetta.
Spero che questi articoli ti siano utili, se non ad auto produrti in casa i Cosmetici, se non altro almeno a renderti conto di come ci continuano a prendere in giro giocando sulla nostra non conoscenza dei fatti.
Mi auguro che tu possa effettuare acquisti più consapevoli, e diventare ogni giorno più esigente per la tua pelle e per la tua salute.
Un abbraccio, ciao!

giovedì 31 ottobre 2019

HENNÉ NEUTRO E SEMI DI LINO

henné neutro

HENNÉ NEUTRO E SEMI DI LINO

Ciao, oggi voglio proporti, come rimedio per aiutare i nostri capelli a superare il periodo invernale, dedicato anche al cambiamento e al rinnovamento dei capelli, un rimedio naturale a prova di bomba. L’applicazione richiede un po’ di pazienza che verrà comunque premiata ampiamente dai risultati. 
Sto parlando dell’henné neutro, vero e proprio trattamento ricostituente e nutrimente dei capelli perché li avvolge in una membrana o pellicola che li rende strutturalmente più forti. Donerà loro  forma, corpo e una nuova vitalità.
Poiché può essere che l’henné neutro possa seccare un po’ i capelli, ti propongo oggi una variante con il gel ai semi di lino che abbiamo già visto come fare qualche tempo fa.
INGREDIENTI
henné neutro (variabile in base alla lunghezza dei capelli)
gel ai semi di lino (anche questo variabile in base alla quantità di henné da applicare e quindi da unire al gel.
4 gtt olio essenziale rosmarino
1 cucchiaio di succo di limone
PREPARAZIONE
Per non risultare ripetitiva, non ti spiegherò nuovamente come fare il gel ai semi di lino ma ti rimando all’articoloQUI  che trovi sul mio profilo oppure al video QUI.
Mescola la polvere di henné neutro calcolata in base alla tua lunghezza dei capelli, direttamente con il gel di semi di lino, che sia abbastanza fluido. Puoi utilizzare anche i semi che hai avanzato dal primo gel e che hai un tenuto conservato nel freezer. Da questi semi infatti puoi ottenere altro gel, utile proprio a questo impiego. Una volta mescolati questi due ingredienti puoi aggiungere 4 o 5 gocce di olio essenziale di rosmarino e un cucchiaio di succo di limone. Questi due ingredienti contribuiranno a rinforzare e lucidare ulteriormente i capelli.
Stempera bene tutto e lascia riposare almeno mezz’ora. Al termine del tempo di riposo, stendi in modo generoso l’henne neutro su tutta la lunghezza dei capelli compreso il cuoio cappelluto. Lascia in posa come minimo un’ora fino a due ore. Sciacqua abbondantemente con acqua. Vedrai che non occorrerà neppure che tu effettui uno Shampoo perché i tuoi capelli appariranno puliti, e rigenerati. Valuta comunque tu, il tuo caso, infatti l’ideale sarebbe fare l’impacco il giorno dopo aver lavato i capelli o al massimo dopo due giorni, in modo che il sebo non ostacoli troppo l’assorbimento dell’henné.
Puoi ripetere questo trattamento anche una volta al mese. L’henné neutro non colora il capello quindi puoi usarlo tranquillamente.
Lo trovi nelle erboristerie, ( attenzione che non contenga erbe tintorie all’interno o altri componenti), nei negozi biologici e in tantissimi siti online e ovviamente su Amazon.
Eccone qualche esempio, con prezzo medio, formato scorta, e l’ultimo buon rapporto qualità prezzo.
Spero che questa ricetta ti sia utile, se pensi che possa aiutare qualcuno, condividila con le tue amiche.
Se ti appassiona la cosmesi naturale, ma vorresti prodotti che durano nel tempo, efficaci e molto più completi ho creato appositamente il corso di cosmesi naturale di cui ti lascio qui il link, dove puoi trovare tutti i prodotti per la cura e la bellezza del nostro corpo, anche se parti da zero.
Seguimi sInstagram e su Facebook, dove  in queste settimane ho pubblicato video e ricette, mi puoi trovi anche su CamTv e YouTube.
Un abbraccio, ciao!!

Se vuoi essere avvisato quando posto, tramite mail clicca qui

MODELLI GESSI

MODELLI GESSI
Per facilitare la ricerca dei modelli di gessi, qui sono ordinati per nome e per numero,clicca sulla foto